NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Reflusso gastroesofageo

Il reflusso gastroesofageo è il ritorno nell"esofago di materiale presente nello stomaco ed è causato da un  funzionamento non corretto della valvola che separa le due parti anatomiche.

Spesso interessa i neonati, nei quali il funzionamento di questa valvola non è ancora del tutto sviluppato.

Il reflusso provoca disturbi legati al fatto che il materiale proveniente dallo stomaco è molto acido e quindi causa  dolore, forme infiammatorie e ferite a livello della parete esofagea.

I sintomi sono:

  • forte sensazione di bruciore al petto (pirosi)
  • dolore alla bocca dello stomaco
  • bruciore alla gola
  • rigurgito acido
  • difficoltà a deglutire (disfagia)
  • salivazione eccessiva
  • tosse

Il reflusso gastroesofageo può rappresentare un fatto sporadico o una patologia vera e propria.

In una persona sana può infatti accadere che ogni tanto, dopo mangiato, si verifichino alcuni episodi. In tali casi è sufficiente evitare pasti troppo abbondanti, specialmente alla sera, non consumare cibi ricchi di grassi, cioccolato, menta, alcol, caffè, tè, evitare il fumo;  è bene inoltre non indossare indumenti troppo stretti, non  sdraiarsi subito dopo i pasti, ed eventualmente utilizzare un cuscino più alto o elevare un poco la testiera del letto.
Anche il sovrappeso favorisce questo disturbo.

Se il reflusso gastroesofageo diventa abituale si parla di malattia da reflusso gastroesofageo e ci si deve rivolgere al medico che consiglierà i farmaci necessari per evitare conseguenze più gravi, quali esofagite, stenosi esofagea, esofago di Barrett.

L"esofagite è un"infiammazione dell"esofago causata dal fatto che la parete dell"esofago, a differenza di quella dello stomaco,  non tollera gli acidi.
L"esofagite provoca disturbi come difficoltà a deglutire, sanguinamento, ulcere, cicatrici e conseguente stenosi (restringimento del lume) dell"esofago.

L"esofago di Barrett  è una malattia che si verifica all"incirca nel 10% dei casi di esofagite e consiste nella trasformazione delle cellule che rivestono le pareti dell"esofago fino a diventare simili a quelle dello stomaco.
E" un disturbo piuttosto grave perchè a volte favorisce lo sviluppo di forme tumorali.

Altri disturbi legati al reflusso sono l"ernia iatale e l"infezione da Helicobacter Pylori, che sembra essere un fattore favorente.

L"ernia iatale è lo spostamento di una piccola parte di stomaco verso la cavità toracica attraverso la parete diaframmatica. Può favorire il reflusso.

 

Leggi anche "il reflusso gastroesofageo" a cura del Dott. Angelo Carli

ATTENZIONE:  Prima di intraprendere qualsiasi terapia rivolgersi sempre al medico.

 

 Share/Bookmark  
   

FB 2

instagram

privacy informativa