NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Chinetosi

Si indicano con il nome di chinetosi o cinetosi i disturbi che si manifestano durante un viaggio in auto, nave o altro mezzo di locomozione.
Ne sono più soggetti i bambini e, tra gli adulti, le donne.

I sintomi  sono rappresentati da pallore, sudorazione fredda, nausea, vomito, vertigini e sono legati alla stimolazione irregolare e intermittente dell"apparato vestibolare che si trova nell"orecchio ed è deputato all"equilibrio.

In persone particolarmente sensibili questa iperstimolazione, dovuta ad accelerazioni e decelerazioni ripetute, si riflette sui centri del vomito presenti a livello cerebrale e porta alla chinetosi.

Per prevenire questi problemi è bene sistemarsi nella zona più stabile del mezzo di trasporto, possibilmente sul sedile anteriore dell"auto, guardare sempre avanti ed evitare di leggere, mangiare ogni tanto un cracker, cercare di distrarsi. Anche mettersi alla guida del veicolo evita la chinetosi in quanto il guidatore controlla il mezzo e ne percepisce il movimento.

Chi guida dovrebbe evitare brusche frenate ed accelerazioni. E" bene arieggiare l"abitacolo e non fumare. Si devono inoltre evitare le bevande alcoliche e gassate, mangiare poco e frequentemente sia prima che durante il viaggio, optando per cibi asciutti e digeribili, preferibilmente pasta, pane, fette biscottate.

Per evitare problemi ai  bambini spesso è sufficiente farli viaggiare mentre dormono

Nei casi più difficili si può ricorrere ai farmaci che sono più efficaci se assunti prima del manifestarsi dei sintomi ma danno solitamente sonnolenza. Esistono in commercio dei braccialetti che si basano sui principi della medicina cinese ed esercitano una pressione costante su un punto che in agopuntura corrisponde al centro dell"equilibrio e sembra riducano il senso di nausea.

Quando si viaggia in nave è meglio evitare di restare sotto coperta e prediligere un punto in coperta al centro del ponte. E" bene guardare lontano e mai verso le onde.

ATTENZIONE:  Prima di intraprendere qualsiasi terapia rivolgersi sempre al medico.

 

 

  Share  
   

FB 2

instagram

privacy informativa