NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Ustioni

Le ustioni sono lesioni cutanee causate dall'esposizione al calore, e la loro gravità dipende dalla temperatura e dal tempo di contatto con il calore stesso .
A seconda della gravità dell'ustione la cute subisce modifiche più o meno gravi ed evidenti: si passa dall'arrossamento, con aumento della temperatura e sensazione di dolore, alla formazione di vesciche, all'aspetto incartapecorito e nerastro, per arrivare, nei casi estremi, alla carbonizzazione completa.
Le lesioni più gravi non sono caratterizzate da dolore perché anche le innervazioni sono distrutte.


La gravità è data soprattutto dall'estensione, oltre che dal tipo.
Le ustioni leggere e circoscritte possono essere considerate meno gravi , anche se solo dopo qualche ora si può valutare la vera entità del danno; inoltre si deve sempre ricorrere al medico se è interessata la cute della bocca, dell'orecchio o dell'occhio, se ci sono ferite associate e se sono presenti disturbi respiratori dovuti all'inalazione di fumi, eventualità molto grave.

Le ustioni si distinguono, a seconda della gravità, in ustioni di 1° grado, quando il danno è limitato allo strato più esterno dell'epidermide, 2° grado se è coinvolto il derma e compaiono vescicole e bolle di diametro inferiore ai 5 mm., 3° grado quando epidermide e derma sono distrutti e si arriva alla necrosi dei tessuti in profondità.
Le ustioni superficiali, quando non complicate da infezioni secondarie, si risolvono in 10 -15 giorni senza lasciare traccia; quelle di maggior gravità lasciano una cicatrice tanto più grave quanto più profondo è stato il danno.

In caso di ustioni non gravi si deve detergere la parte interessata con soluzione sterile o acqua tiepida e sapone, applicare una garza sterile, o , meglio, una garza medicata, che non tende ad appiccicarsi alla pelle lesa, applicare ghiaccio per ridurre il gonfiore.

Non si devono mai utilizzare disinfettanti troppo drastici quali alcol o tintura di iodio, né si deve forare le vesciche eventualmente formate. Non utilizzare mai fasciature strette.

Se ci si trova in presenza di ustioni gravi si deve allontanare la causa, rimuovere gli abiti bruciati, applicare pomate per le ustioni , quindi proteggere le parti ustionate con teli o garze sterili,  forare le vesciche.


 

Ustioni da sostanze chimiche


Le ustioni possono essere anche provocate da sostanze chimiche o da scariche elettriche e anche in questo caso vengono classificate secondo tre gradi diversi di gravità.
Quando la pelle o le mucose vengono aggredite da questi fattori bisogna rivolgersi subito ad un medico , rimuovere gli abiti impregnati di sostanza corrosiva e sciacquare con abbondante acqua fredda.

ATTENZIONE:  Prima di intraprendere qualsiasi terapia rivolgersi sempre al medico.

 

 Share/Bookmark  
   

FB 2

instagram

privacy informativa