NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Perché è importante conservare il tessuto del cordone ombelicale

     
   
     
 

Il cordone ombelicale è il tessuto che permette il passaggio di nutrienti e ossigeno tra la mamma e il bambino. Ma non solo. È anche una grande fonte di cellule staminali mesenchimali, le quali possono promuovere la riparazione dei tessuti e modulare le risposte immunitarie e rigenerative. Le loro enormi potenzialità fanno sì che le cellule staminali abbiano anche possibili applicazioni per la cura dei tumori 1. Per questo è importante parlare di conservazione del sangue del cordone ombelicale o del tessuto cordonale.

Le cellule staminali mesenchimali possono dividersi e differenziarsi rapidamente. Hanno infatti ottime capacità di proliferazione, differenziazione multilineare e proprietà immunomodulatorie. Possono dare origine a diversi tessuti, come:
• ossa;
• pelle;
• cartilagine;
• muscoli;
• grasso 2.

Inizialmente, le cellule staminali mesenchimali sono state identificate nel midollo osseo. Ma non è questa l’unica fonte. Per esempio possono essere raccolte da diverse sezioni del cordone ombelicale, attraverso una procedura indolore e hanno proprietà di auto-rinnovamento più rapide 1.
Il cordone ombelicale si sviluppa nella quinta settimana di gravidanza e può crescere fino ai i 50 cm di lunghezza. I tessuti del cordone dai quali si originano le cellule staminali mesenchimali sono:
• il rivestimento del cordone ombelicale;
• la regione perivascolare;
• la gelatina di Wharton 1.

Sono cellule con un enorme potenziale nella medicina rigenerativa per il trattamento di diverse patologie, da quelle nervose, alle cardiache, alle muscolari 2. Sono stati avviati studi clinici che utilizzano le cellule staminali mesenchimali del tessuto del cordone ombelicale per il trattamento di diverse patologie:
• le malattie autoimmuni;
• le malattie del cuore e vascolari;
• le malattie gastrointestinali;
• le malattie neurologiche;
• le lesioni del midollo spinale;
• le lesioni scheletriche;
• la guarigione delle ferite e la gestione delle complicazioni dovute ai trapianti 2.

Per questo scegliere di conservare il tessuto del cordone ombelicale è una scelta importante. In questo modo si avrà un numero maggiore di cellule staminali a disposizione per il futuro e, di conseguenza, più opzioni di trattamento e un potenziale terapeutico maggiore 2.
I genitori devono conoscere in che modo viene fatta la raccolta e conservazione del tessuto del cordone ombelicale, che prevede anche il prelievo di sangue materno, e scegliere consapevolmente 2.

Come avviene la procedura di raccolta e conservazione del tessuto cordonale?
Prima viene prelevato il sangue materno e viene raccolto il sangue contenuto nel cordone, in seguito gli operatori sanitari procedono con la raccolta del tessuto del cordone ombelicale. Il personale medico, indossando guanti sterili, versa soluzione salina nel contenitore destinato al tessuto cordonale, identifica una sezione del cordone ombelicale, lunga dai 10 ai 15 cm, non forata per la raccolta del sangue cordonale e la sterilizza con garze sterili, per eliminare il sangue in eccesso. Successivamente, la sezione di tessuto cordonale scelta viene tagliata, sterilizzata e inserita nell’apposito contenitore 3.

Sorgente garantisce la conservazione del tessuto del cordone ombelicale, impegnandosi attivamente, tramite la biobanca, nei protocolli di espansione delle cellule staminali mesenchimali 2.

Se desiderate ricevere ulteriori informazioni sulla procedura di confezionamento e conservazione del cordone ombelicale: www.sorgente.com

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

Fonti:
1 – Human Umbilical Cord Mesenchymal Stem Cells: A New Era for Stem Cell Therapy – D.C.Ding, Y.H.Chang, W.C.Shyu, S.Z.Lynn
2 – Conservazione del tessuto cordonale – www.sorgente.com
3 – Istruzioni Procedura Raccolta del Tessuto Cordonale – www.sorgente.com



 

 
     
 

Torna alla sezione Sorgente

 

privacy informativa