7 Attività “basate sull’evidenza” per il morbo di Parkinson

attivita parkinson

 

Attività fisiche semplici e divertenti, come andare in bicicletta, ballare e praticare tai chi, possono portare a miglioramenti significativi dei sintomi fisici e mentali del morbo di Parkinson, rallentando in alcuni casi anche la progressione della malattia, specie se eseguite di pari passo ad una terapia personalizzata di trattamenti di medicina complementare e integrativa.
Il morbo di Parkinson è il secondo disturbo neurodegenerativo più diffuso, con il morbo di Alzheimer che ha il triste primato. Tuttavia, il Parkinson è cresciuto più rapidamente in termini di prevalenza e disabilità tra i disturbi neurologici ed è ora una delle principali cause di disabilità globale, secondo i dati pubblicati su Frontiers in Public Health.

Con oltre 6 milioni di persone colpite in tutto il mondo (e stime che parlano invece di oltre 10 milioni), la prevalenza del morbo di Parkinson è aumentata del 21,7% dal 1990 al 2016, riducendo significativamente la qualità della vita delle persone.
Già dall’1% al 2% degli adulti di età pari o superiore a 65 anni soffre di Parkinson, mentre i tassi sono in aumento anche negli adulti più giovani. In un periodo di cinque anni, la prevalenza del Parkinson è aumentata di oltre il 50% tra i 30 ei 64 anni, segnalando un urgente bisogno di intervento.


Non essendo note cure o metodi di prevenzione, le persone con diagnosi di Parkinson vengono trattate caso per caso, con trattamenti volti al sollievo dei sintomi. Ci sono, tuttavia, molte attività fisiche specifiche e mente-corpo che possono aiutare a migliorare i risultati e la qualità della vita lavorando di pari passi con trattamenti naturali, come – tanto per citarne uno – l’aromaterapia.

1. Meditazione Yoga
La meditazione yoga, o Yomed, combina gli elementi mente-corpo delle posture fisiche dello yoga con le tecniche di rilassamento e respirazione utilizzate nella meditazione. Insieme, la meditazione yoga può portare a benefici al di là dello yoga o della meditazione eseguita separatamente. Questo sembra vero per il morbo di Parkinson, che comporta problemi di movimento o di deambulazione, tremori e problemi di equilibrio e cadute.
In uno studio, le persone con malattia di Parkinson da lieve a moderata si sono impegnate in YoMed o in un programma di allenamento propriocettivo due volte a settimana per 12 settimane. Risultati migliori sono stati trovati nel gruppo YoMed, inclusi miglioramenti significativi nella posturografia dinamica, un metodo per quantificare l’equilibrio. Lo yoga aiuta anche con gli effetti mentali del Parkinson ed è stato scoperto che porta a diminuzioni durature della depressione tra le persone con Parkinson.

2. Andare in bicicletta
Anche quando lottano con disturbi dell’andatura, molte persone con il morbo di Parkinson possono andare in bicicletta, e ciò può portare a benefici fisici e mentali. In una revisione sistematica e in una meta- analisi, l’andare in bicicletta è risultato particolarmente benefico per le prestazioni motorie delle persone con malattia di Parkinson, compreso il miglioramento delle caratteristiche dell’andatura. Ha anche portato a una migliore qualità generale della vita.
Sebbene l’allenamento basato sull’esercizio come andare in bicicletta non possa fermare la progressione della malattia, i ricercatori hanno notato che può essere considerato in grado di ritardare il processo patologico della malattia. Studi precedenti sugli animali hanno dimostrato che l’attività fisica ha effetti neuroprotettivi, incluso il miglioramento della neuroplasticità e l’attenuazione del declino cognitivo legato all’età.

3. Ballare
Il ballo, in particolare il tango, è stato ampiamente studiato per il morbo di Parkinson. La ricerca suggerisce che migliora la qualità della vita, l’autostima e le strategie di adattamento, oltre a migliorare l’andatura e l’equilibrio. Il tango è unico in quanto non coinvolge solo l’attività fisica della danza, ma la combina con il lavoro con un partner, aggiungendo una componente sociale. La musica durante la danza aggiunge un altro livello di potenziale beneficio neurologico.
Anche frequentare un corso di ballo di un’ora due volte a settimana può produrre benefici. In uno studio che ha confrontato il tango con il valzer/foxtrot, entrambi i balli hanno portato a miglioramenti significativi nell’equilibrio, nella locomozione e nel controllo motorio.

4. Qigong
Il Qigong, un esercizio mente-corpo che incorpora meditazione, respirazione profonda e movimenti del corpo, può essere utile per migliorare i sintomi non motori del morbo di Parkinson, come disturbi del sonno, ansia, depressione e affaticamento. Le persone con Parkinson che hanno praticato qigong per 12 settimane hanno sperimentato miglioramenti significativi nella qualità del sonno e sintomi generali non motori.
Anche i sintomi motori sono stati migliorati dal qigong in una meta- analisi di 325 persone con malattia di Parkinson. Coloro che si sono impegnati nel qigong hanno avuto miglioramenti nella capacità di camminare, nell’equilibrio e in altri sintomi motori, tanto chei ricercatori l’hanno definita una “terapia alternativa benefica”.

5. Tai Chi
I movimenti dolci e fluidi del Tai Chi sono noti per migliorare la forza, l’equilibrio e l’allineamento posturale, aumentando la concentrazione e il rilassamento. Se utilizzato da persone con malattia di Parkinson, il tai chi può portare a miglioramenti nella funzione motoria, equilibrio e bradicinesia (movimenti lenti).
In un altro studio, in cui le persone con Parkinson hanno partecipato al tai chi 80 minuti al giorno, tre volte alla settimana, per due mesi, il tai chi ha portato a maggiori miglioramenti nella velocità di deambulazione, nella portata funzionale e nel tempo per “andare avanti” rispetto all’esercizio di routine, e anche l’incidenza delle cadute è stata ridotta.
Alla fine del periodo di follow-up, il 9% del gruppo tai chi è stato anche in grado di interrompere il trattamento con levodopa, mentre quelli che sono rimasti nel gruppo hanno potuto ridurre la dose. I ricercatori hanno concluso che il tai chi non solo potrebbe rallentare la progressione dei sintomi del Parkinson, ma potrebbe anche ritardare la necessità di introdurre la levodopa.

6. Ai Chi
L’Ai chi è un esercizio delicato simile al tai chi ma eseguito in acqua. Svolto due volte a settimana per 11 settimane, ha portato a una riduzione dei sintomi del Parkinson, tra cui bradicinesia e rigidità.
L’ai chi ha anche portato a miglioramenti nell’equilibrio, nella mobilità e nella qualità della vita nelle persone con Parkinson e, secondo i ricercatori dell’Università Ahi Evran in Turchia, “dovrebbe essere considerato un’opzione riabilitativa per il trattamento dei pazienti con malattia di Parkinson lieve o moderata”.

7. Tamburo
Il tamburo è stato un pilastro dei rituali di guarigione nelle culture di tutto il mondo. La ricerca moderna mostra che il suono sincronizzato dei tamburi porta a una maggiore attività nel nucleo caudato, un’area del cervello disfunzionale nel morbo di Parkinson, nonché a un migliore comportamento prosociale e a una diminuzione della depressione, dell’ansia e della disattenzione.
Dopo sei settimane di lezioni bisettimanali in circolo tra i tamburi dell’Africa occidentale, la qualità della vita è notevolmente migliorata nelle persone con malattia di Parkinson, suggerendo che il tamburo può essere un’aggiunta degna agli interventi standard come la terapia fisica.
Più di 250 sostanze aggiuntive, dal coenzima Q10 al veleno d’api, sono state studiate anche per il morbo di Parkinson, con una stima del 40% delle persone con morbo di Parkinson che riferiscono di aver utilizzato almeno una forma di terapia complementare.

Dr.ssa Monica Viotto

 

FB 2

instagram

privacy informativa

Privacy Policy

Privacy Policy