NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

È possibile essere allergici all’elettricità?

elettricita

 

Per molte persone, i dispositivi elettronici sono una parte utilissima della vita di tutti i giorni. Permettono di fare cose come navigare in Internet o mangiare cibi cotti rapidamente nel microonde. Alcune persone, tuttavia, riportano un’ipersensibilità alle radiazioni emesse dall’elettronica. Questa condizione è chiamata appunto ipersensibilità elettromagnetica o elettroipersensibilità.
Telefoni cellulari, laptop, router Wi-Fi, altri dispositivi elettronici e linee elettriche ad alta tensione producono onde di energia chiamate campi elettromagnetici che sono invisibili ad occhio nudo ma sono quasi onnipresenti nel nostro ambiente.
Mentre gli esperti assicurano che i campi elettromagnetici non sono dannosi, un numero crescente di ricerche indica che i campi elettromagnetici hanno un impatto sulla salute umana in diversi modi e possono causare una serie di sintomi noti come elettrosensibilità.

Cosa sono i campi elettromagnetici?
I campi elettromagnetici sono frequenze di energia che esistono su uno spettro da bassa ad alta energia. La terra e il sole producono naturalmente campi elettromagnetici, così come i dispositivi artificiali come telefoni cellulari e router Wi-Fi. I campi a bassa frequenza e bassa energia producono radiazioni non ionizzanti, che sono sicure per l’esposizione umana e rappresentano la maggior parte delle radiazioni a cui le persone sono esposte.

Le sorgenti di campi elettromagnetici a bassa frequenza includono:
• Telefono cellulare
• TV e radio
• Microonde
• Segnali Wi-Fi
• Raggi infrarossi
• Luce visibile

Le onde ad alta frequenza sono abbastanza forti da causare danni cellulari, ridurre gli antiossidanti e sono noti agenti cancerogeni. Queste frequenze producono radiazioni ionizzanti e possono rompere i legami molecolari e separare gli elettroni dagli atomi.

Le sorgenti di campi elettromagnetici ad alta frequenza sono:
• Raggi X
• Luce ultravioletta (UV).
• Raggi gamma
• Raggi cosmici

Gli antiossidanti come il glutatione e la vitamina C sono gli antidoti naturali al danno ossidativo che sottolinea dozzine di menomazioni funzionali.

Come i campi elettromagnetici danneggiano le cellule
Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche per comprendere meglio gli effetti dell’esposizione a campi elettromagnetici a bassa frequenza, un numero crescente di dati suggerisce che il nostro contatto onnipresente con i campi elettromagnetici potrebbe avere un impatto maggiore sul corpo di quanto ci rendiamo conto.
I campi elettromagnetici influenzano la comunicazione cellulare influendo sui canali del calcio voltaggio-dipendenti (VGCC), che è un metodo di comunicazione utilizzato dal nostro corpo per inviare segnali attraverso le membrane.
I VGCC regolano processi come la funzione dei neurotrasmettitori, l’espressione genica, le contrazioni muscolari e molte altre funzioni biologiche essenziali.

Un’interruzione di questo percorso può essere collegata a:
• Un cambiamento della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna
• Compromissione cognitiva
• Danni al DNA
• Espressione proteica alterata nella pelle

Le società di comunicazioni wireless insistono sul fatto che i dispositivi Wi-Fi e cellulari siano sicuri. E la FDA afferma che non esiste un nesso causale tra i campi elettromagnetici e gli effetti collaterali negativi sul corpo.
Tuttavia, un rapporto del 2012 contenente più di 2.000 studi che esaminano l’effetto dei campi elettromagnetici sulla salute umana ha rilevato che le radiazioni di basso livello, come le radiazioni non ionizzanti emesse dal telefono cellulare, possono svolgere un ruolo nel cancro, nell’Alzheimer e in altre condizioni.

Poiché la nostra esposizione ai campi elettromagnetici è ai massimi storici nella cultura moderna, alcuni sostengono che l’effetto cumulativo dei campi elettromagnetici da tutte le fonti porti a un fenomeno chiamato elettrosensibilità.
Ciò potrebbe essere dovuto al suo effetto sul VGCC, stato antiossidante o altri percorsi cellulari.

L’elettrosensibilità è reale?
I campi elettromagnetici possono essere invisibili, ma ciò non significa che i nostri corpi non ne siano potenzialmente interessati. Il loro effetto cumulativo può essere simile a quello dell’inquinamento o dell’esposizione alle tossine: il corpo può mediare gli effetti fino a una certa soglia, ma oltre, iniziamo a notare sintomi indesiderati e confusi.
Un modo in cui i campi elettromagnetici possono danneggiare il corpo è attraverso la riduzione dello stato antiossidante, che produce radicali liberi e danno ossidativo.

L’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ha ritenuto i campi elettromagnetici un “possibile cancerogeno per l’uomo” sulla base sia di dati osservazionali sull’uomo che di ricerca sugli animali che collega i campi elettromagnetici a bassa frequenza allo sviluppo di tumori.
Se avverti uno dei seguenti sintomi, un approccio di medicina integrata può aiutarti ad affrontare la causa principale e ripristinare il tuo equilibrio.

Sintomi di elettrosensibilità
L’elettrosensibilità può presentarsi in dozzine di segni e sintomi diversi e può influenzare gli individui in modo diverso, a seconda del proprio
livello di sensibilità. I sintomi della sensibilità ai campi elettromagnetici includono:
• Insonnia
• Fatica
• Difficoltà di concentrazione
• Nausea
• Alterazioni del ritmo cardiaco
• Vertigini
• Dolori muscolari
• Cambiamenti di umore
• Depressione

I bambini possono essere particolarmente suscettibili alla sensibilità ai campi elettromagnetici poiché la loro pelle è più sottile e generalmente hanno una percentuale maggiore di acqua nei loro tessuti, il che potrebbe renderli più sensibili agli effetti dei campi elettromagnetici rispetto agli adulti.
Gli studi hanno anche trovato una correlazione preoccupante tra la vicinanza a luoghi con campi elettromagnetici elevati come le linee elettriche e le linee elettriche ad alta tensione per i tumori infantili.

Elettrosensibilità e sonno
Alcuni studi hanno dimostrato che l’esposizione ai campi elettromagnetici può influire negativamente sulla funzione del ritmo circadiano naturale, interferendo con la qualità del sonno.
Indipendentemente dal fatto che i campi elettromagnetici influiscano o meno sul sonno, i dispositivi non favoriscono un sonno salutare a causa dell’effetto della luce blu sulla produzione di melatonina durante la notte. La luce blu dell’elettronica diminuisce la produzione di melatonina, riducendo la nostra capacità di sonno ristoratore.

Sensibilità ai campi elettromagnetici e umore
I campi elettromagnetici possono alterare un percorso attraverso i canali del calcio voltaggio-dipendenti che influiscono sulla funzione dei neurotrasmettitori, come la serotonina e la dopamina, che sono responsabili dell’umore, della memoria, dell’attenzione e della concentrazione.
Oltre a un’interruzione del VGCC, dispositivi come smartphone, tablet e social media sono progettati per sfruttare le nostre vulnerabilità e le funzioni cerebrali, innescando un rilascio di dopamina che crea dipendenza che può portare a gravi problemi comportamentali e continua dipendenza dal dispositivo.

Elettrosensibilità e attenzione
In uno studio, i ricercatori hanno scoperto che l’esposizione prolungata ai campi elettromagnetici ha contribuito al danno della guaina mielinica nei topi, contribuendo a un comportamento simile all’iperattività.
Se sei uno dei tanti che tentano la gestione dei sintomi dell’ADHD (disturbo da deficit dell’attenzione/iperattività) senza farmaci, limitare il tempo sullo schermo può aiutare.

Sensibilità ai campi elettromagnetici e fertilità
Agli uomini viene spesso chiesto di evitare di posizionare i laptop direttamente in grembo, citando un aumento della temperatura che può danneggiare lo sperma. Ma altre ricerche mostrano che i campi elettromagnetici possono svolgere un ruolo nella diminuzione della motilità e della vitalità degli spermatozoi.
Con tutta l’esposizione ai campi elettromagnetici che incontriamo in quasi tutte le attività della nostra vita, può essere allettante volersi chiudere in una bolla. Ma non scoraggiarti, ci sono modi semplici per ridurre la tua esposizione ai campi elettromagnetici e molte di queste azioni hanno anche altri vantaggi funzionali!

Come ridurre l’esposizione ai campi elettromagnetici
Sebbene l’argomento sia ancora molto dibattuto e non riconosciuto dalla medicina tradizionale, alla luce di quanto visto fin qui forse sarebbe sbagliato respingere completamente l’idea di interessarsene. Sebbene oggi non sia provato che sia la causa di gravi malattie, per alcuni potrebbe avere un ruolo in disturbi più o meno gravi. Ecco allora come ridurre l’incidenza dei campi elettromagnetici nella vita quotidiana.

Spegni i dispositivi quando non sono in uso. Questo vale per tablet, computer e qualsiasi altro dispositivo “intelligente”.

Spegni il router Wi-Fi di notte. Puoi farlo facilmente con un timer meccanizzato, quindi non devi ricordarti di farlo ogni notte.

Lascia i dispositivi fuori dalla camera da letto. Oltre a limitare l’esposizione ai campi elettromagnetici che possono interferire con il sonno, una riduzione dell’esposizione alla luce blu promuoverà la normale produzione di melatonina. Inoltre, è stato dimostrato che le coppie che limitano i dispositivi in camera da letto dormono meglio e riferiscono persino una migliore soddisfazione per la loro vita sessuale.

Sii consapevole della tua vicinanza a linee elettriche ad alta tensione, torri radio e torri cellulari. Anche se questo non è un aspetto che possiamo controllare facilmente, è una cosa a cui prestare attenzione quando acquisti una casa, specialmente se hai bambini piccoli.

Non portare il cellulare con te. Aumentare la distanza tra i campi elettromagnetici e il tuo corpo riduce l’esposizione.

Misura l’impatto della tua casa “intelligente”. Più dispositivi hai connesso al Wi-Fi in casa, più campi elettromagnetici saranno esposti alla tua famiglia. Ciò include frigoriferi, piccoli elettrodomestici che possono essere controllati tramite un’app e dispositivi wireless che possono bloccare la porta a distanza.

Se combatti con disturbi del sonno, dolore o altri sintomi fastidiosi, il tuo medico di medicina integrata può aiutarti a ottimizzare il tuo ambiente e il tuo stile di vita per supportare maggiormente la salute e la guarigione.

Trattamento della causa principale con la medicina integrata
I sintomi della sensibilità ai campi elettromagnetici condividono somiglianze con dozzine di altre condizioni croniche e acute. Sebbene alcune persone possano essere sensibili all’aumento dell’interferenza dei campi elettromagnetici nel loro ambiente, è fondamentale valutare tutti i sintomi con la medicina integrata per determinare l’origine del problema.
Il tuo medico ti aiuterà a ottimizzare la dieta, lo stile di vita e gli squilibri ormonali o neurotrasmettitori che contribuiscono alla cattiva salute. Questo è noto come trattamento della causa principale ed è un modo sicuro, efficace e collaudato per curare il corpo invece di limitarsi a gestire i sintomi.

Dr.ssa Monica Viotto

 

FB 2

instagram

privacy informativa