NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

La psoriasi

psoriasi 2

 

La psoriasi è una condizione piuttosto comune che si manifesta con un accumulo di cellule della pelle ruvide, secche e morte. Sembrano aree rosa-rossastre in rilievo ricoperte da scaglie argentee e bordi rossi.
La psoriasi di solito si verifica sul cuoio capelluto, sui gomiti, sulle ginocchia, sull’inguine e sulla parte bassa della schiena. È una malattia cronica o di lunga durata che “va e viene” e può presentarsi in pochi punti o coinvolgere aree estese. Non è contagiosa: non è possibile diffonderla da una parte all’altra del proprio corpo o da persona a persona.

Milioni di persone soffrono di questa condizione della pelle che, in molti casi, ha anche ripercussioni psicologiche, minando l’aspetto di una persona e la sua sicurezza nei rapporti sociali.
La psoriasi può manifestarsi per la prima volta a qualsiasi età, anche se tende a insorgere durante l’adolescenza e la vecchiaia. Di solito si manifesta gradualmente, sia negli uomini che nelle donne e si pensa possa essere una malattia ereditaria, più probabilmente scatenata dallo stress emotivo.
Nella maggior parte dei casi non è dolorosa, anche se quelli gravi possono esserlo. Circa il 5% delle persone con psoriasi soffre anche di artrite psoriasica, una condizione grave che coinvolge le articolazioni rendendole dolorose e gonfie.

Segni e sintomi della psoriasi

La psoriasi normalmente si manifesta con:
• Lesioni cutanee in rilievo, rosa intenso con bordi rossi e squame superficiali argentate. La pelle può essere screpolata e dolorosa nei casi più gravi.
• Vesciche che trasudano pus, che di solito compaiono sui palmi o sulla pianta dei piedi
• Unghie dei piedi scolorite e ispessite
• Prurito in alcune persone
• Dolore articolare da artrite psoriasica, in alcune persone
• Resistenza all’insulina

Cosa causa la psoriasi?

I ricercatori non sanno ancora bene cosa causa la psoriasi. Si sa che le persone che ce l’hanno producono più cellule della pelle del normale. Sembra che sia coinvolto un sistema immunitario difettoso. Nelle persone con psoriasi, le cellule T (appartenenti alla linea dei globuli bianchi) attaccano erroneamente le cellule della pelle. Le nuove cellule della pelle si spostano troppo rapidamente verso lo strato esterno della pelle, dove si accumulano e formano chiazze spesse.
Sembra che ci sia una componente genetica. È più probabile sviluppare la psoriasi se anche un parente stretto ha la condizione.
Diversi fattori sottostanti possono innescare la condizione o riacutizzazioni, tra cui:
• Stress emotivo
• Obesità
• Lesioni cutanee o scottature solari
• Infezione da streptococco (streptococco), con sintomi che a volte compaiono 2 settimane dopo il mal di gola
• Aria fredda o secca
• Alcuni farmaci, come oro, litio o beta-bloccanti
• Abuso di alcol o fumo

Cosa aspettarsi dalla visita medica

Nel corso di una visita di medicina tradizionale il medico esamina la pelle e potrebbe richiedere un esame del sangue per controllare i livelli di calcio, zinco e alcuni altri elementi, oltre ad una biopsia cutanea per confermare la diagnosi. Il medico di medicina integrata, come abbiamo già visto più volte, esegue un esame più ampio che coinvolge tutta la persona e tutti gli organi, poichè alla base della medicina integrata c’è la convinzione che la persona vada trattata nel suo complesso e una patologia può essere la manifestazione di disturbi che spesso risiedono in organi apparentemente non correlati, o anche alla sfera emotiva. Ecco perché un trattamento (sempre personalizzato) eseguito con la medicina complementare può comprendere molti e variati approcci, come creme e lozioni per la pelle, cambiamenti nella dieta, uso di integratori di vitamine o minerali, esercizio, terapie corpo-mente, etc.

Terapie complementari per la psoriasi

Le terapie mente-corpo e la gestione dello stress, comprese la meditazione e l’ipnosi, possono aiutare a curare la psoriasi. Gli studi dimostrano che le persone che praticano la meditazione prima di sottoporsi alla terapia della luce ottengono più benefici delle persone che hanno avuto la sola terapia della luce. Anche l’esercizio fisico può aiutare, così come bere molta acqua.
Fare bagni quotidiani con acqua tiepida e sapone neutro può aiutare a rimuovere le squame. Dopo il bagno, tampona delicatamente la pelle e applica immediatamente una crema idratante per “sigillare” l’acqua nella pelle.

Parla sempre con il tuo medico di medicina integrata prima di assumere integratori o erbe, perché alcuni possono avere effetti collaterali o interagire con i comuni farmaci da prescrizione, come anticoagulanti e pillole anticoncezionali. Se sei incinta o stai allattando, chiedi al tuo medico prima di assumere integratori, erbe o farmaci da banco.

Nutrizione e integratori

Evita alcol, zuccheri semplici e cibi ricchi di grassi saturi. Una dieta priva di glutine può aiutare a migliorare i sintomi. Se il medico sospetta allergie alimentari, può raccomandare una dieta di eliminazione o un test per le allergie alimentari.

Olio di pesce. Gli studi sono contrastanti sul fatto che l’olio di pesce possa aiutare ad alleviare i sintomi della psoriasi. Uno studio ha rilevato che l’olio di pesce riduceva prurito, arrossamento e desquamazione, ma non riduceva le dimensioni delle lesioni cutanee. Altri studi hanno scoperto che l’olio di pesce non era migliore del placebo. Alcune prove suggeriscono che somministrare olio di pesce per via endovenosa migliora i sintomi.

Acido folico. Sebbene l’integrazione di acido folico non sia efficace nel migliorare la psoriasi, appare come un’opzione terapeutica ragionevole nei pazienti con psoriasi da moderata a grave che hanno una concomitante iperomocisteinemia, bassi livelli di folati plasmatici e ulteriori fattori di rischio cardiovascolare.

Cartilagine di squalo. Le prime prove suggeriscono che la cartilagine di squalo può alleviare i sintomi nelle persone con psoriasi a placche. Tuttavia, la cartilagine di squalo non è indicata per i pazienti con diabete. Se prendi integratori di calcio, avvisa il tuo medico prima di prendere la cartilagine di squalo. La cartilagine di squalo può interagire con alcuni farmaci.

Dieta senza glutine. Gli studi suggeriscono che la psoriasi e la celiachia condividono percorsi comuni. Una dieta priva di glutine può aiutare a migliorare la malattia della pelle psoriasica.
Non assumere integratori di vitamina A e D se stai già assumendo farmaci da prescrizione, perchè questi farmaci contengono già queste vitamine in dosi elevate. Inoltre, assumere un integratore con i farmaci su prescrizione potrebbe essere pericoloso se si assumono troppe di queste vitamine. Ad ogni buon conto, non è mai raccomandabile affidarsi a più specialisti per la stessa patologia.

Erbe

Le erbe sono un modo per rafforzare e tonificare i sistemi del corpo. Il tuo medico di medicina integrata potrebbe somministrarti le erbe sia sotto forma di estratti secchi (capsule, polveri o tè), che come gliceriti (estratti di glicerina) o tinture (estratti alcolici). Le erbe più frequentemente utilizzate per il trattamento della psoriasi sono:
Uva dell’Oregon (Mahonia aquifolium). Alcune prove suggeriscono che l’uso di una crema specifica a base di uva dell’Oregon può ridurre i sintomi della psoriasi.
Avocado e vitamina B12. Le prime ricerche suggeriscono che una crema contenente olio di avocado e vitamina B12 può ridurre i sintomi della psoriasi. Tuttavia sono in corso ulteriori ricerche per focalizzare i reali benefici di questa combinazione.
Aloe (Aloe vera). Diversi studi dimostrano che l’uso di una crema di aloe migliora le placche psoriasiche. Forskolin (Coleus forskohlii). È stato storicamente utilizzato per la psoriasi, ma non è indicato per le persone con malattie cardiache e per chi assume bloccanti dei canali del calcio o anticoagulanti.
Olio di origano. Alcune persone hanno riscontrato grandi benefici contro i sintomi della psoriasi grazie all’applicazione di olio di origano.

Omeopatia e psoriasi

Anche l’efficacia di specifici rimedi omeopatici è stata esaminata attraverso studi clinici. Tuttavia, gli omeopati professionisti possono raccomandare uno o più trattamenti per la psoriasi anche e soprattutto in base alla propria conoscenza ed esperienza clinica. Prima di prescrivere un rimedio, gli omeopati prendono in considerazione il tipo costituzionale di una persona, inclusa la sua costituzione fisica, emotiva e intellettuale. Un omeopata esperto valuta tutti questi fattori quando determina il rimedio più appropriato per un particolare individuo.
I trattamenti più comunemente usati per la cura della psoriasi con l’omeopatia sono:
Apis mellifica. Per eruzioni cutanee calde e secche e sensibili al tatto. I sintomi migliorano con i bagni freddi e peggiorano con il caldo. Questo rimedio è più appropriato per le persone che spesso si sentono tristi, deluse o addirittura depresse. Tendono a piangere facilmente, ma possono anche essere irritabili e invidiose per natura.
Calendula. Usata localmente, in particolare se l’area interessata si infiamma. Questo rimedio lenisce ma non cura la condizione della pelle.
Rhus tossicodendro. Usato per l’artrite psoriasica e per i disturbi della pelle accompagnati da prurito intenso che peggiora durante la notte e migliora con l’applicazione del calore. Questo rimedio è più appropriato per le persone che sono generalmente irrequiete e incapaci di sentirsi a proprio agio durante la notte.
Zolfo. Per disturbi della pelle che sono accompagnati da prurito intenso. Questo rimedio è più appropriato per gli individui assetati, irritabili quando non si sentono bene, privi di ispirazione e disordinati in circostanze normali e che descrivono una sensazione di calore interno e bruciore. I sintomi tendono a migliorare con l’aria aperta e fredda e peggiorano con il calore.

Riflessologia per la psoriasi

La riflessologia è una pratica antica tramandata nei secoli. La sua pratica potrebbe risalire alla Cina predinastica 3000 aC. Gli Inca e i nativi americani potrebbero aver introdotto la riflessologia nel Sud e nel Nord America. È una tecnica di massaggio omeopatico progettata per alleviare il dolore. Le zone di riflessologia si trovano nei piedi, nelle mani, nei denti, nelle orecchie e nella lingua. Seguire queste tecniche di riflessologia può offrire enormi benefici per molte patologie, tra cui la psoriasi.

La riflessologia è un metodo terapeutico per alleviare il dolore stimolando punti di pressione predefiniti. Questa pressione controllata allevia la fonte del disagio. In assenza di una particolare malattia o anomalia, la riflessologia può essere efficace per promuovere la buona salute e prevenire le malattie quanto lo può essere per alleviare i sintomi di stress, lesioni e malattie.
In che modo la riflessologia può aiutare con la psoriasi? Sulla base dei punti di pressione nei piedi, collegati al sistema nervoso, i riflessologi individuano ghiandole e organi specifici per curarli tramite massaggio. Nella riflessologia moderna, infatti, il piede è diviso in 12 zone di pressione. La reflessologia promuove il riequilibrio del corpo stimolando determinati punti sulla superficie del piede, i cosiddetti punti di riflesso.

Altre terapie complementari per la psoriasi

Il ventaglio di trattamenti a disposizione della Medicina Integrato per la cura della psoriasi è molto ampio. Come sempre, è lo Specialista a stabilire i trattamenti più indicati a partire dal quadro clinico globale del paziente. Oltre ai trattamenti visti fin qui, infatti, non è insolito l’uso dell’aromaterapia, dei trattamenti che passano per l’igiene intestinale, modifiche dello stile di vita e terapie che intervengono sulla sfera emotiva.

Dr.ssa Monica Viotto

 

 

FB 2

instagram

privacy informativa