NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Punture di insetti: come prevenirle e trattarle con la medicina complementare

Punture insetti

 

Con le vacanze estive e la possibilità di trascorrere più tempo all’aria aperta, aumenta il rischio di esser punti da un certo numero di insetti, tra cui api, ragni, pulci, calabroni, vespe e zanzare. Alcuni morsi e punture causano prurito; altri causano dolore. Il prurito e il dolore si verificano perché l'insetto ha iniettato veleno o un'altra sostanza irritante nella pelle, che provoca una reazione allergica. Nella maggior parte dei casi, questa reazione è fastidiosa ma non pericolosa.
Tuttavia, una reazione grave può causare anafilassi, con conseguente mancanza di respiro e chiusura della gola. L'anafilassi può essere fatale, anche alla prima reazione. Le reazioni gravi possono interessare tutto il corpo e possono verificarsi in pochi minuti. Questa è un'emergenza medica vera e propria per la quale è indispensabile rivolgersi immediatamente al pronto soccorso. Un altro tipo di reazione allergica è chiamato angioedema, che comporta gonfiore in tutto il corpo, in particolare viso, labbra e intorno agli occhi.

Segni e sintomi di punture di insetti

Una puntura si manifesta quasi sempre sotto forma di una sorta di grumo rosso, gonfio e caldo, spesso accompagnato da prurito con o senza dolore. Nei casi più gravi, possono presentarsi delle vere e proprie piaghe, spesso a causa dell’infezione provocata anche dal semplice grattarsi.

Reazioni allergiche gravi (anafilassi):

In caso di reazioni allergiche gravi, questi sintomi appena visti possono essere associati a respirazione difficoltosa, vertigini, nausea, febbre, spasmi muscolari, fino a perdita di conoscenza.

Cause

Gli insetti che possono mordere o pungere includono bombi, calabroni, vespe e formiche, ma anche zanzare, tafani, ragni, zecche e cimici, tra i più comuni.

Prevenzione

Cerca di non provocare gli insetti. Ad esempio, evita movimenti rapidi e a scatti intorno a alveari o nidi di insetti. Evita profumi, lozioni e saponi profumati. Evita le aree in cui sai di poter trovare insetti e nidi. Utilizza repellenti per insetti e indumenti protettivi. Fai attenzione quando mangi all'aperto, specialmente con bevande dolci (come le bibite) o nelle aree vicino ai bidoni della spazzatura. Assicurati di avere zanzariere sulle finestre di casa. Evita che le uova di zanzara si schiudano, rimuovendo l'acqua stagnante, ad esempio dai vasi delle piante. Evita di stare all'aperto all'alba e al tramonto, quando le zanzare sono più attive.

Usa candele alla citronella, linalolo e geraniolo. In uno studio, le candele alla citronella hanno ridotto del 35% il numero di zanzare femmine catturate nelle trappole; le candele al linalolo hanno ridotto le zanzare femmine del 65%; e le candele al geraniolo hanno ridotto le zanzare femmine dell'82%.

Se sai di avere una grave allergia a un insetto, porta con te un kit di adrenalina di emergenza. Il medico può prescriverne uno. Se hai avuto una reazione in passato, assicurati che amici e familiari sappiano come usare il kit. Indossa un braccialetto identificativo medico. Per chi soffre di allergie, l'immunoterapia con veleno è efficace fino al 98% nel prevenire l'anafilassi da puntura.
Se stai viaggiando in una zona dove la malaria è comune, chiedi al tuo medico come proteggerti contro la malaria.

Puoi prevenire punture e punture di insetti con un abbigliamento adeguato:
Copriti la testa. Indossa un cappello a tesa intera per proteggere anche il collo.
Indossa magliette a maniche lunghe e pantaloni lunghi.
Infila i polsini dei pantaloni nei calzini. Questo aiuta a proteggere le caviglie, un punto comune per morsi o punture.
Controlla periodicamente i tuoi vestiti e capelli, per assicurarti che non siano rimasti insetti intrappolati.
Usa una rete protettiva quando dormi o mangi all'aperto.
Applicare un repellente per insetti sui vestiti anziché sulla pelle può aiutare a prevenire le irritazioni. Quando ti trovi in un'area infestata da zanzare, flebotomi o zecche, usa un repellente per insetti chimico come la permetrina.
NON applicare repellente per insetti sulla pelle bruciata dal sole. Quando applichi sia la protezione solare che il repellente per insetti, applica prima la crema solare. Attendi 30 minuti prima di applicare il repellente per insetti.
NON usare un repellente per insetti sulle mani dei bambini perché potrebbero strofinarsi gli occhi o mettere le mani in bocca.

Approccio al trattamento

Nella maggior parte dei casi, morsi e punture possono essere facilmente curati a casa. Tuttavia, non cercare di curare da solo un morso sospetto. In caso di dubbio, chiama il medico. In caso di una grave reazione allergica, come l'anafilassi, è necessario rivolgersi al pronto soccorso. Se si verifica una tale emergenza:
Controlla le vie aeree, la respirazione e il polso della persona. Se necessario, chiamare un’ambulanza.
Usa il kit di emergenza se ne hai uno. (Chiunque abbia avuto una grave reazione allergica a una puntura di insetto dovrebbe portare sempre con sé un Kit)
Cerca di mantenere la persona morsa calma. Rimuovi eventuali anelli e altri elementi restrittivi in caso di gonfiore. Resta con la persona fino all'arrivo dei soccorsi.

Stile di vita

Arrossamento, lieve gonfiore, dolore o prurito nel sito del morso generalmente scompaiono entro 3-7 giorni senza trattamento, anche se l'area interessata è grande.
Per alleviare i sintomi, segui questi passaggi:
Rimuovi il pungiglione, se è ancora presente, raschiando un oggetto con bordi dritti sul pungiglione. NON usare pinzette per estrarre il pungiglione, perché potrebbe rilasciare più veleno. Lava accuratamente con acqua e sapone per evitare infezioni. Presta attenzione ai segni di infezione, come aumento del rossore o striature rosse lungo la pelle, nei giorni successivi.
Metti un impacco di ghiaccio, un impacco umido o del ghiaccio avvolto in un panno sul sito della puntura per 10 minuti, quindi rimuovilo per 10 minuti.
Applica una crema che riduce il prurito (come l'unguento alla lavanda spica) se il morso prude. Puoi anche usare una pasta composta da 3 parti di bicarbonato di sodio e 1 parte di acqua.
La medicina complementare può offrire dei validi trattamenti in alternativa ai farmaci tradizionali.

Nutrizione e integratori alimentari

L'inclusione di determinati nutrienti nella dieta può aiutare a sostenere il sistema immunitario e possibilmente ridurre qualsiasi infiammazione o reazione allergica da una puntura o morso d'insetto. Ricorda sempre, prima di assumere qualsiasi integratore, di consultarti con il tuo Specialista in Medicina Integrata, per assicurarti l’assunzione di integratori adatti a te.
Mediamente, i più comuni e sicuri includono:
Quercetina. Un flavonoide e antiossidante presente in molte piante che può aiutare a ridurre le reazioni allergiche. Il tipo solubile in acqua di quercetina, a volte chiamato esperidina metilcalcone (HMC) o quercetina calcone, viene assorbito più facilmente e ha effetti più forti per alcune persone. Vitamina C. Supporta la funzione del sistema immunitario e migliora anche l'effetto della quercetina.
Acidi grassi Omega-3 (olio di pesce). Può aiutare a ridurre l'infiammazione nel corpo, quindi alcuni esperti pensano che potrebbero anche proteggere da gravi reazioni allergiche. In uno studio, c'era un tasso di mortalità più basso per shock anafilattico negli animali con una dieta ricca di acidi grassi omega-3 rispetto a quelli con una dieta ricca di acidi grassi omega-6. Gli acidi grassi Omega-3 possono avere un effetto fluidificante del sangue e devono essere usati con cautela nelle persone con disturbi emorragici o che usano farmaci che fluidificano il sangue. Ancora una volta, ricorda di parlare con il tuo medico prima di assumerli.

Omeopatia

Un omeopata professionista può raccomandare uno o più dei seguenti trattamenti per punture e morsi di insetti. Prima di prescrivere un rimedio, gli omeopati prendono in considerazione il tipo costituzionale di una persona, inclusa la sua costituzione fisica, emotiva e intellettuale. Un omeopata esperto valuta tutti questi fattori quando determina il rimedio più appropriato per un particolare individuo.
Apis mellifica. Per dolori pungenti con rapido gonfiore e una zona interessata calda al tatto; questo rimedio è più appropriato per le persone che si sentono meglio con le applicazioni a freddo. Iperico. Per morsi accompagnati da dolori acuti e lancinanti che spesso si verificano in aree sensibili, come le punte delle dita delle mani o dei piedi.
Ledum. Agente omeopatico più comunemente usato per morsi e punture di api, zanzare, vespe o ragni; l'area interessata è fredda al tatto, ma le applicazioni a freddo o l'immersione in acqua fredda migliorano i sintomi.
Staphysagria. Per bambini con punture di zanzara grandi e pruriginose che possono creare grandi lividi.
Urtica urens. Per morsi rossi e gonfi con prurito e bruciore; può essere usato al posto di Apis per curare l'orticaria.

Oli essenziali

Alcuni oli essenziali possono aiutare a respingere gli insetti. Diluire l'olio prima di applicarlo sulla pelle. Non applicare mai oli essenziali puri direttamente. Evita il contatto con gli occhi. Questi oli includono:
Eucalipto (Eucalyptus globulus)
Chiodi di Garofano (Eugenia caryophyllata) Citronella ( Cymbopogon spp .)
Olio o crema di Neem (Azadirachta indica) Gel di canfora e mentolo

Dr.ssa Monica Viotto

 

FB 2

instagram

privacy informativa