NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Questione di DNA: quali sono le cause genetiche di un tumore?

     
     
     

Al giorno d’oggi sappiamo molte più cose rispetto al passato riguardo il tumore alle ovaie, al seno, al polmone e al colon. Sono tra le forme di cancro più frequenti all’interno della popolazione e, grazie alla ricerca, se ne conoscono i principali fattori di rischio e predisponenti. Una conoscenza che potrebbe salvare la vita a milioni di persone.
Nel 2015, 8.8 milioni di persone sono morte a causa di un tumore maligno. Circa 1 persona su 6 muore di cancro 1. Oggi sappiamo come si origina e si sviluppa buona parte dei tumori, eppure questo non basta per vincere il cancro in maniera definitiva. Ciò non significa che non ci sia niente da fare, anzi: la lotta contro il cancro si combatte ogni giorno.

Molti tumori sono causati da uno stile di vita sregolato. Sedentarietà, dieta sbilanciata, fumo, esposizione a sostanze cancerogene. Questi sono tutti elementi che aumentano il rischio di tumore. Basta cambiare stile di vita per eliminarli ed evitare circa 1 caso di tumore su 32. Talvolta, però, le cause del cancro hanno radici molto più profonde.
I cosiddetti fattori predisponenti sono i fattori che aumentano il rischio di sviluppare un certo tipo di tumore. In alcuni casi sono frutto di caratteristiche proprie dell’individuo, o addirittura di una certa predisposizione genetica. La ricerca ha identificato un gran numero di geni che predispongono all’insorgenza di un tumore, se mutati. In che modo ciò avviene?

Per regolare il rinnovamento continuo dei tessuti, esistono dei geni che controllano la proliferazione delle cellule. Capita però che una mutazione ne alteri il comportamento. Le cellule cominciano quindi a riprodursi in maniera incontrollata, formando una massa detta tumore. Si definisce un tumore “maligno” quando le cellule cancerose migrano in altri tessuti, formando tante masse tumorali in giro per l’organismo. Sono le cosiddette metastasi 3.
La predisposizione al tumore può essere causata da mutazioni genetiche ereditabili. Le più conosciute sono quelle che interessano: i geni APC (tumore al colon); i geni RB (retinoblastoma); i geni BRCA 1 e 2 (tumore all’ovaio e al seno). Chi presenta queste mutazioni, ha un maggiore rischio di sviluppare un tumore in giovane età. Inoltre, spesso questi tumori sono multipli e interessano diversi distretti corporei 4.

Nel caso di BRCA1 e BRCA2 (Breast Related Cancer Antigens), le mutazioni aumentano il rischio di tumore al seno dell’87% e quello di tumore alle ovaie del 40% 5. Sono trasmissibili per via ereditaria e per fortuna individuabili per tempo. Chi sospetta di essere predisposto, può sottoporsi a uno screening genetico. I risultati daranno indicazioni preziose per elaborare una terapia o un piano di prevenzione personalizzato.
Il test genetico Sorgente BRCA può rilevare eventuali anomalie nei geni BRCA, grazie a un semplice campione di sangue. L’esame ha un’alta affidabilità ed è consigliato a quante hanno avuto casi di tumore in famiglia. Lo possono effettuare anche coloro che vogliono verificare la propria predisposizione genetica. Per valutare i propri fattori di rischio e programmare uno screening specifico, è consigliabile rivolgersi a uno specialista.

Per scoprire il test di screening genetico sui geni BRCA: www.brcasorgente.it

A cura di Ufficio Stampa Sorgente Genetica


FONTI:
1. World Health Organization WHO website - www.who.int
2. SIto AIRC – www.airc.it
3. Le basi genetiche del cancro
4. Sito SIGN – www.signgenetics.eu
5. Ferla R. et al. (2007). Founder mutations in BRCA1 and BRCA2 genes. Annals of Oncology. 18;(Supplement 6):vi93-vi98

 
     

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Newsletter Farmalem

Rimani sempre informato iscrivendoti alla nostra Newsletter
Privacy e Termini di Utilizzo