NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Conservazione cordone ombelicale: ecco i falsi miti più diffusi

     
   
     

I futuri genitori spesso sono spaesati di fronte alla scelta di donare pubblicamente o conservare privatamente le cellule staminali del cordone ombelicale. In questo articolo analizzeremo e smonteremo tutte le false dicerie circa l'argomento.

Falso mito uno: "La conservazione di tipo autologo è offerta dalle biobanche private". Non è corretta questa definizione, poiché si sta confondendo il tipo di conservazione (pubblica o privata) con l'utilizzo a fini terapeutici delle staminali (allogenico o autologo). Le staminali conservate privatamente possono essere trapiantate nel donatore da cui sono state prelevate (uso autologo) oppure come avviene nella maggior parte dei casi, in un suo parente di 1° (uso allogenico intra familiare) [Fonte EBMT] 1.

Falso mito due: "Vengono iniettate le medesime cellule malate, ecco perché è inutile il trapianto autologo". Non è vero. L’uso delle staminali non si limita solo al settore emato-oncologico, bensì include anche quello immunologico e della medicina rigenerativa 2. Come previsto dal Ministero della Salute, le famiglie a rischio di prole con “patologie geneticamente determinate” possono optare per la conservazione riservata a uso autologo 3.

Falso mito tre: "La conservazione delle staminali del cordone dura fino a 10-15 anni, poi perdono di vitalità". No! Dopo 24 anni di crioconservazione la scienza ha dimostrato che oltre a essere vitali le staminali sono ancora capaci di originare cellule di vari tessuti, di moltiplicarsi (4,5) e di differenziarsi in cellule aventi una specifica funzione.

È importante far arrivare alle famiglie informazioni corrette e complete per quanto riguarda le cellule staminali cordonali. Questo prezioso patrimonio biologico continua a essere scartato, infatti, a oggi, si stima che ben il 98% dei cordoni ombelicali diventa un rifiuto speciale. Le cellule staminali rappresentano uno strumento molto potente di terapia capace di trattare più di ottanta malattie 3, come confermato anche dal Ministero della Salute.

Per ulteriori informazioni: www.sorgente.com

A cura di: Ufficio Stampa Sorgente

Note

1. EBMT - European Group for Bone and Marrow Transplantation

2. Francese, R. and P. Fiorina, Immunological and regenerative properties of cord blood stem cells. Clin Immunol. 136(3): p. 309-22.

3. Decreto ministeriale 18 novembre 2009

4. Broxmeyer HE: Cord blood hematopoietic stem cell transplantation In StemBook Community TSCR, Ed., May 26,2010

5. Broxmeyer, H. E., M. R. Lee, et al. "Hematopoietic stem/progenitor cells, generation of induced pluripotent stem cells, and isolation of endothelial progenitors from 21- to 23.5-year cryopreserved cord blood." Blood 117(18): 4773-7. 

 
     
 

Torna alla sezione Sorgente

 

Newsletter Farmalem

Rimani sempre informato iscrivendoti alla nostra Newsletter
Privacy e Termini di Utilizzo